Giornata mondiale degli oceani: gli sport da fare al mare

L’8 giugno si festeggia la Giornata mondiale degli Oceani, tre le più importanti ricorrenze annuali dedicate alla sostenibilità. Lo scopo di questa giornata è sensibilizzare le popolazioni ed i governi sull’inquinamento e l’invasione di plastica in atto nei mari di tutto il mondo, dagli oceani ai mari più piccoli, come il nostro Mediterraneo.

La World Oceans Day 2020 ha in particolare l’obiettivo di chiedere ai leader mondiali di impegnarsi a proteggere il 30% delle acque entro il 2030.

 

I mari e gli oceani costituiscono infatti una risorsa importantissima per tutti noi; dal punto di vista ambientale possiamo fare molto per proteggerli in prima persona, ed inoltre possiamo iniziare ad instaurare un rapporto più “stretto” con questo elemento, praticando sport acquatici.

Vediamo quali sono le attività più belle da fare al mare e qualche semplice regola da attuare in spiaggia per proteggere le nostre acque.

Gli sport acquatici più belli da fare al mare

Gli sport acquatici che si possono praticare al mare sono diversi e tutti, oltre a regalare notevoli benefici al corpo, sono molto divertenti. Alcuni sono più dinamici ed altri più meditativi: ecco i quattro più diffusi e facili da praticare.

Snorkeling

Spesso non considerato un vero e proprio sport, lo snorkeling è l’ideale per allenare gambe e glutei in modo dolce ma efficace. Inoltre, la bellezza dei fondali ti farà dimenticare la fatica!

Stand up paddle

Un’attività rilassante e meditativa. Per praticarla, ad esempio su una tavola da sup gonfiabile come Freesoul Tech, non serve essere particolarmente esperti, ma qualche ora di stand up paddle permette di allenare braccia e schiena, oltre al resto della muscolatura che si contrae per mantenere l’equilibrio.

Kayak

Ecco uno sport davvero divertente, da praticare da soli o in due, che permette di allenare braccia, pettorali, dorsali e addominali. Da praticare preferibilmente nelle giornate in cui il mare è piatto, permette di avventurarsi fin dove una semplice nuotata non consentirebbe. E se utilizzi un kayak gonfiabile come Cove Champion Hydro Force non hai bisogno neanche di troppo spazio per il trasporto!

Surf

Sport dalle mille variazioni, come il kite surf e il wind surf, richiede un certo livello di esperienza per essere praticato con soddisfazione. Inoltre, servono litorali adatti, ossia ventosi e spesso ondosi; non a caso chi pratica regolarmente surf si reca in località specifiche, spesso sull’oceano.

Giornata mondiale degli oceani: rispetta la spiaggia

Se decidi di praticare uno sport acquatico, frequenterai spesso le spiagge e quindi potrai fare molto per combattere in prima persona l’inquinamento dei mari.

Ecco, quindi, tre semplici regole di comportamento da osservare in spiaggia:

Raccogli sempre tutti i rifiuti, facendo particolare attenzione ai sacchetti in plastica

- Acquista creme solari specificatamente pensate per chi sta molto in acqua e che quindi non inquinano

- Se fai la doccia in spiaggia, utilizza solo l’acqua ed evita shampoo e bagnoschiuma.